BaronaToday

Minimarket etnici, maxi multe per 15mila euro: alcol e degrado

Tante le segnalazioni dei cittadini. Interviene la polizia

Repertorio

Nel corso delle ultime settimane - nell’ambito delle attività disposte dal Questore di Milano Marcello Cardona dirette a verificare e prevenire i pericoli e le molestie notturne causate anche dalla presenza di persone ubriache, in taluni casi giunte anche a scontri fisici con feriti - gli agenti del Commissariato di PS Lorenteggio della Questura di Milano hanno intrapreso una serie di controlli volti a contrastare il fenomeno.

L’attività è stata avviata sulla scorta di segnalazioni di diverso genere, provenienti anche dai cittadini, riguardanti soprattutto la presenza durante la notte, in vari quartieri della zona, di gruppi di persone che si intrattenevano per strada e sotto i condomini rumoreggiando e imbrattando, in maniera anche particolarmente evidente, i luoghi. Si è potuto infatti spesse volte rinvenire file di bottiglie e lattine abbandonate sui marciapiedi, cocci di vario genere oltre a chiari segni di esigenze fisiche e di esiti riferiti all’utilizzo dell’alcol fuori misura.

Non sono mancate inoltre lamentele per danneggiamenti materiali ad auto in sosta e ai portoni d’ingresso. Fra le cause di questa situazione anche la vendita abusiva di confezioni di alcolici e superalcolici fuori dagli orari consentiti, realizzata da piccoli esercizi meglio noti come ‘minimarket’. Questi esercizi possono essere autorizzati a rimanere aperti fino alle due di notte. La vendita degli alcolici (ma non la somministrazione, vietata a loro totalmente) è però consentita solo fino alle ventiquattro. Sulla scorta della normativa che prevede sanzioni per coloro che vendono alcolici dopo la mezzanotte senza permesso, gli agenti del Commissariato di PS Lorenteggio della Questura di Milano hanno organizzato una serie di appostamenti innanzi ai minimarket segnalati per verificare la concretezza delle indicazioni acquisite.

Si è trattato di controlli di osservazione e controllo veri e propri come nel caso delle attività di contrasto alla vendita di stupefacenti. Questo per evitare qualsiasi tipo di contestazione formale o di merito alla sanzione. Quindi, atteso il passaggio della mezzanotte, gli operatori si sono appostati di fronte agli esercizi per individuare i clienti che acquistavano confezioni di alcolici riscontrando che, in alcuni casi, gli esercenti provvedevano a esercitare una vera e propria somministrazione aprendo le bottiglie di birra coi tappi e fornendo bicchieri di plastica.

Nel corso delle attività, i poliziotti hanno documentato la loro attività prima con delle riprese poi con verbali di sommarie informazioni dei clienti i quali hanno dovuto ammettere di essersi recati in quegli esercizi per acquistare gli alcolici. Qualcuno ha anche riconosciuto trattarsi di una pratica nota. Al termine dei controlli programmati, sulla base delle informazioni acquisite e delle segnalazioni di cittadini, i minimarket multati sono stati due, uno in via Lorenteggio, l’altro in via Primaticcio. Il totale degli importi contestati ha raggiunto circa 15mila euro. Quindi repressione dell’abusivismo, ma anche prevenzione verso le problematiche notturne sofferte dal quartiere. Il primo risultato conseguito è stato infatti la chiusura a mezzanotte di questi minimarket divenuti nei casi peggiori ricettacoli di sbando e degrado. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, militare pugnalato alla gola in Stazione Centrale da un passante che urla "Allah akbar"

  • Milano, tenta di incassare il gratta e vinci rubato: beccato, in casa ne aveva altri 600

  • Milano, fumo nero e puzza di bruciato da Spontini in via Marghera: arrivano i pompieri

  • Sciopero venerdì 27 setttembre, a Milano si fermano per 24 ore i mezzi Atm: orari di metro

  • "Ritrovo di pregiudicati", la questura chiude tre bar di zona Certosa

  • Milano, ragazza aggredita e rapinata nel cuore della notte sulle scale del suo palazzo

Torna su
MilanoToday è in caricamento